Site Overlay

Esiste il “diritto al marciapiede”?

In questi giorni si è concluso il cantiere che prevedeva la consegna di un primo lotto di lavorazioni, per opere preliminari alla realizzazione della “Bottega dei Servizi” del Comune di Roddino.

Questa prima tornata, che apre alla seconda, più propriamente realizzativa, si finalizzava al consolidamento e al risanamento degli ambienti che ospiteranno i locali della Bottega dei Servizi e del Salone Polifunzionale; ma l’esito del cantiere è stato motivo di alcune riflessioni sulla qualità dello spazio pubblico.

Il nostro marciapiede non è sicuramente un’opera che segnerà la Storia dell’Architettura, ne siamo consapevoli (seppur anche una realizzazione minima comporti ragionamenti scelte di un certo interesse…) ma secondo noi rappresenta il segno basilare della generazione di una civiltà urbana.

Il marciapiede, forse ancor più del portico (elemento di socialità urbana tipicamente italiano), è un segno di attenzione e di cura che si riserva al passante; non è progettato specificamente per noi stessi, è un’attenzione progettuale che si rivolge alla comunità. Si decide di dotare lo spazio pubblico di un camminamento definitoprotettodedicato.

E qui il nostro ragionamento.

A fronte di un gesto civico così nobile (che si insedia in un elemento che consideriamo scontato) vediamo che le nostre città ingombrano i marciapiedi; li troviamo spesso occupati da struttureoggettitavolini di bar o, peggio, da veicoli grossolanamente parcheggiati.

Il passante è spesso costretto ad uno slalom improvvisato e a volte, si nota, questo porta a preferire il passaggio in strada; questo aspetto non denota solo il fastidio dell’ignorare un gesto di condivisione ma anche la problematica di rendere lo spazio urbano ostile a chi del marciapiede ha un reale bisogno.

In epoca di PNRR, di grandi progettualità e diffusi piani rigenerativi, ci piace puntare l’attenzione su quegli elementi del paesaggio urbano che riteniamo generalmente banali ma che, da soli, varrebbero una laurea in educazione civica!

Nell’immagine: il completamento a marciapiede dell’estradosso dell’intercapedine di consolidamento e risanamento progettata per la “Bottega dei Servizi” del Comune di Roddino

Spazio di civiltà

Translate »
Skip to content